Nuova gestione della consultazione dei documenti su HUB MultiDOC

Buongiorno a tutti,

nell’ottica di fornire un servizio di consultazione sempre migliore anche in presenza di volumi crescenti di documenti, abbiamo studiato una soluzione per consentire, a regime, l’accessibilità agli indici dei documenti almeno per 18 mesi (contrattualmente sono 12 mesi).

Per questo abbiamo provveduto a spostare i documenti più vecchi di 5 mesi che abbiano terminato il loro ciclo di vita (sia per quanto riguarda SDI che Peppol e Conservazione, ove applicabili) dal database dell’HUB a un repository molto performante basato su Elasticsearch.

I documenti trasferiti su Elasticsearch sono indicati come “dati freddi” e sono accessibili dal Portale documenti: per accedervi è stato introdotto il bottone Archivio nel menu laterale.

Oltre ai suddetti documenti, nell’Archivio sono trasferiti come dati freddi anche i flussi scartati. Tramite una specifica opzione l’utente può visualizzare i soli documenti, i soli flussi scartati o entrambi in un’unica schermata.

Abbiamo in previsione di aggiungere ulteriori modalità di consultazione dei dati freddi nelle prossime settimane, sfruttando al meglio le potenzialità di Elasticsearch.

Dal 1° settembre 2020 l’Archivio sarà accessibile agli amministratori di dominio e dal 15 settembre 2020 a tutte le aziende utenti, pertanto vi chiederemmo gentilmente di avvisare i vostri clienti.

Molto importante, fino al 1° ottobre 2020 i dati freddi saranno presenti su Elasticsearch ma non saranno ancora stati cancellati dal database dell’HUB, per cui sia amministratori di dominio che aziende utenti potranno eseguire prove di consultazione e acquisire la necessaria dimestichezza.

Cordiali saluti

Il team SATA

 

 

Author

inarsind

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *